LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO E LA TUTELA DELL’AMBIENTE

La Corte EDU, a tutt’oggi largamente ignorata nel nostro Paese, trae dalla Convenzione Europea per i Diritti Umani fondamentali i principi per la tutela della salute umana e la salvaguardia degli ecosistemi.
 



La Corte EDU, ossia la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo o semplicemente Corte Europea, è figlia della Convenzione Europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali (CEDU), un trattato internazionale a cui oggi aderiscono 46 Paesi europei assieme alla Turchia.

Si tratta di un’istituzione a cui guardano tutti i cittadini europei e non solo, in quanto nel volgere di pochi decenni la Corte, detta anche di Strasburgo, è riuscita ad assurgere a un ruolo primario di garante assoluto dei diritti fondamentali delle persone.

La Corte EDU è anche citata come difensore dei diritti “degli ultimi”, se si considera che a ricorrervi sono sovente le persone che non hanno trovato risposte nelle giurisdizioni nazionali e che si trovano abbandonate in carcere, oppure in condizioni di salute compromesse, oppure nei campi profughi e richiedenti asilo ai Paesi sottoscrittori della CEDU.

L’articolo di Alberto Calzolari, di cui al link sotto, presenta una panoramica sull’incardinamento giuridico della Corte EDU, sul nucleo essenziale dei diritti civili di cui assicura il rispetto e infine sulle attività più recenti della Corte Europea rese nell’ambito della protezione dell’ambiente.

È importante sottolineare che tra i diritti scolpiti nella CEDU non figura la specifica enunciazione del diritto a vivere in un ambiente rispettoso delle necessità della persona e tuttavia sono frequenti le sentenze in cui è stata riscontrata una violazione degli articoli della CEDU originata dalle varie fattispecie di inquinamento ambientale, oppure dai diversi aspetti della gestione dei rifiuti, oppure dalla ricerca delle cause dei “disastri naturali”.

In quanto all’affermazione del rispetto dell’ambiente, nella giurisprudenza della Corte Europea sono rinvenibili oltre cento sentenze. Ad esempio, a causa dell’inquinamento sono state contestate violazioni in relazione all’art. 2 (diritto alla vita) e all’art. 8 (diritto al rispetto della vita privata e familiare).

Da momento che la conoscenza della CEDU è purtroppo estremamente limitata, sia presso il pubblico sia tra le istituzioni che pure sarebbero tenute a darvi attuazione, il Centro Etica Ambientale di Parma con questo intervento apre una finestra informativa su di essa e chiama i soggetti interessati a portare i loro contributi.

Per l’affermazione dell’unicum a cui si riconducono l’uomo e l’ambiente, e nella visione ecologica integrale su cui si fonda la scuola CEA e PNATE del Centro Laudato si’ di Bismantova, è importante aprirsi all’attività della Corte EDU per una rinnovata cultura di protezione degli ecosistemi che si sviluppi all’interno delle tematiche di rilievo assoluto sulla protezione dei diritti fondamentali”.


Scarica pdf Articolo La corte EDU e la tutela dell’ambiente

Scarica pdf Convenzione Europea diritti dell’uomo e libertà fondamentali
LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO E LA TUTELA DELL’AMBIENTE
Parte il processo partecipativo sul Contratto di Fiume Valle dell’Enza
Centro Laudato si’ - inaugurazione 3 luglio 2021 - photo gallery
Impatto Covid-19 sui Sustainable Development Goals (SDGs)
22 aprile - Giornata della terra
Rifiuti - Comuni ricicloni 2018
Premiati Borgo Taro e Mezzani
Progetto Interreg Central Europe AWAIR
Progetto Life prepAIR
(Po Regions Engaged to Policies of AIR)
FEBBRAIO 2022 - MASSIMO MAZZER SU “GAIA” METTE I NUMERI SUI FUTURI DELL’ENERGIA ELETTRICA VERDE
RISCALDAMENTO CLIMATICO: EMILIA ROMAGNA SOPRA LA MEDIA GLOBALE - VALLONI E FANTINI GIUGNO 2022
DALL’APPROCCIO RAZIONALE ALL’ETICA DEL PENSIERO COME GUIDA PER LA CURA DELL’AMBIENTE NATURALE – OSTELLINO GIUGNO 2022
SCARSITÀ E SOSTENIBILITÀ IDRICA: SETTE PILASTRI DI SAGGEZZA - PUMA GIUGNO 2022
GRANDE SECCA DEL PO - 2022 ANNO RECORD PREANNUNCIATO - VALLONI GIUGNO 2022
357 M€ DEL PNRR PER 56 INTERVENTI DI RINATURAZIONE DEL FIUME PO
Questo sito web utilizza i cookie
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi.
Necessari
Statistiche
Accetta tutti Accetta selezionati Rifiuta
Impostazioni cookie
Necessari
Questi cookie sono richiesti per le funzionalità di base del sito e sono, pertanto, sempre abilitati. Si tratta di cookie che consentono di riconoscere l'utente che utilizza il sito durante un'unica sessione o, su richiesta, anche nelle sessioni successive. Questo tipo di cookie consente di riempire il carrello, eseguire facilmente le operazioni di pagamento, risolvere problemi legati alla sicurezza e garantire la conformità alle normative vigenti.
Statistiche
I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.