FEBBRAIO 2022 - MASSIMO MAZZER SU “GAIA” METTE I NUMERI SUI FUTURI DELL’ENERGIA ELETTRICA VERDE

Con un articolo breve Mazzer illustra in termini semplici il percorso verso la transizione energetica adatto ai nostri territori

Il CEA riprende un lavoro di Massimo Mazzer che fin dal suo titolo, “La via della transizione energetica è obbligata ma la destinazione è una scelta”, rivela la sua particolare attualità. Uno scritto che fa leva sull’evidenza dei numeri e sui vincoli fisici che impongono al nostro territorio la scelta del fotovoltaico, una via obbligata, ma nello stesso tempo vantaggiosa sotto tutti i punti di vista. Di seguito alcuni passaggi chiave.

Ove l’irraggiamento solare è sufficientemente intenso, non esiste tecnologia per la generazione di energia elettrica che sia più sostenibile e meno costosa del fotovoltaico dato che il costo di produzione di celle e moduli fotovoltaici è in continua, forse inarrestabile, discesa.

Oggi, anche al netto delle esternalità e dei costi “nascosti”, l’energia elettrica da fotovoltaico costa meno di quella prodotta da fonti fossili, o da nucleare. È finito, quindi, definitivamente il tempo in cui l’adozione di queste tecnologie dipendeva in modo cruciale dagli incentivi.

Resta sul tappeto il problema dell’impatto sull’uso di suolo e sul paesaggio di un uso massiccio di sorgenti di energia elettrica “non programmabili”, come solare ed eolico. Tuttavia, le superfici richieste saranno sempre minori. Se oggi, con i prodotti disponibili sul mercato, occorrono 4.5mq di moduli fotovoltaici per generare 1kW di potenza di picco, nel 2030 basteranno invece 3.3mq per produrre la stessa energia.

Se volessimo produrre con impianti fotovoltaici a terra tutta l’energia elettrica consumata in Italia avremmo bisogno di circa 3000kmq di superficie. Ma se utilizzassimo solo i tetti e coperture, ove non è necessario distanziare i pannelli per evitare l’ombreggiamento, per soddisfare lo stesso bisogno nazionale basterebbero circa 1200kmq (circa il 20% del terreno occupato da tutti gli edifici italiani) e questo senza tener conto del contributo del fotovoltaico integrabile sulle facciate.

Altro aspetto da verificare è la capacità della rete di gestire i carichi. Sappiamo però che Terna, il gestore della rete nazionale di alta tensione, ha già elaborato uno scenario di fattibilità, detto ‘decentralised’, basato sulla generazione diffusa, soprattutto fotovoltaico accoppiato ad accumulo, e su una maggiore elettrificazione dei consumi finali, in particolare sull’uso delle pompe di calore in sostituzione degli impianti di riscaldamento a gas.

Scarica pdf Articolo

Vedi intervista con specifici riferimenti a Parma su “il parmense” del giugno 2021:
https://www.ilparmense.net/energia-rinnovabile-fotovoltaico-parma-intervista-mazzer/
Parte il processo partecipativo sul Contratto di Fiume Valle dell’Enza
Centro Laudato si’ - inaugurazione 3 luglio 2021 - photo gallery
Impatto Covid-19 sui Sustainable Development Goals (SDGs)
22 aprile - Giornata della terra
Rifiuti - Comuni ricicloni 2018
Premiati Borgo Taro e Mezzani
Progetto Interreg Central Europe AWAIR
Progetto Life prepAIR
(Po Regions Engaged to Policies of AIR)
FEBBRAIO 2022 - MASSIMO MAZZER SU “GAIA” METTE I NUMERI SUI FUTURI DELL’ENERGIA ELETTRICA VERDE
RISCALDAMENTO CLIMATICO: EMILIA ROMAGNA SOPRA LA MEDIA GLOBALE - VALLONI E FANTINI GIUGNO 2022
DALL’APPROCCIO RAZIONALE ALL’ETICA DEL PENSIERO COME GUIDA PER LA CURA DELL’AMBIENTE NATURALE – OSTELLINO GIUGNO 2022
SCARSITÀ E SOSTENIBILITÀ IDRICA: SETTE PILASTRI DI SAGGEZZA - PUMA GIUGNO 2022
GRANDE SECCA DEL PO - 2022 ANNO RECORD PREANNUNCIATO - VALLONI GIUGNO 2022
357 M€ DEL PNRR PER 56 INTERVENTI DI RINATURAZIONE DEL FIUME PO
Questo sito web utilizza i cookie
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi.
Necessari
Statistiche
Accetta tutti Accetta selezionati Rifiuta
Impostazioni cookie
Necessari
Questi cookie sono richiesti per le funzionalità di base del sito e sono, pertanto, sempre abilitati. Si tratta di cookie che consentono di riconoscere l'utente che utilizza il sito durante un'unica sessione o, su richiesta, anche nelle sessioni successive. Questo tipo di cookie consente di riempire il carrello, eseguire facilmente le operazioni di pagamento, risolvere problemi legati alla sicurezza e garantire la conformità alle normative vigenti.
Statistiche
I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.